Low

Usa / Slowcore / Sub Pop Records /
12/05/2022 21:00
da 27 € + d.d.p
🎟 Biglietti
Platea Gold: € 40,00 + ddp
Platea: € 35,00 + ddp
I Galleria: € 30,00 + ddp
II Galleria: € 27,00 + ddp
🎟 I biglietti saranno disponibili in anteprima per gli utenti My Live Nation dalle ore 10 di mercoledì 23 giugno. Per accedere alla presale basterà registrarsi gratuitamente su www.livenation.it. La vendita generale dei biglietti è aperta a partire da venerdì 25 giugno alle ore 10.00 su www.ticketmaster.itwww.ticketone.it e www.vivaticket.com.
🚩 Low, la band indie-rock statunitense, torna per un’imperdibile data unica il 12 maggio 2022 al Teatro Duse di Bologna.
Proprio oggi il gruppo di Duluth, Minnesota annuncia il nuovo album Hey What in uscita il 10 settembre per Sub Pop Records. Il disco è il successivo di Double Negative, pubblicato nel 2018 ed entrato nella classifica di Aquarium Drunkard, Brooklyn Vegan, Pitchfork e Stereogum dei migliori album del decennio.
Il tredicesimo lavoro in studio è composto da dieci tracce, ognuna delle quali caricate di armonie familiari ed indescrivibili, che in tutti i modi cercano di sfondare il caos a bordo di una zattera di salvataggio sulla quale si trovano anche i componenti Alan Sparhawk e Mimi Parker. Il sound è distorto, con versi prima costruiti poi distrutti e infine assemblati all’interno di un solenne giuramento che viene solo sussurrato.
La band può vantare di avere alle spalle una carriera strabiliante: attivi sin dal 1993, i Low hanno intrapreso tour mondiali per tutto il mondo e hanno contribuito, con le loro canzoni più celebri come Point of Disgust e Monkey, ad arricchire le colonne sonore di film e serie tv popolari.

Opening

Divide and dissolve

“Gas Lit” è il nuovo album del duo multidimensionale Divide and Dissolve, pubblicato su Invada Records e prodotto da Ruban Neilson degli Unknown Mortal Orchestra.
I membri di Divide and Dissolve Takiaya Reed (sassofono, chitarra, effetti dal vivo) e Sylvie Nehill (batteria, effetti dal vivo) creano musica strumentale che è sia pesante che magica, influenzata da suoni classici ma estremamente contemporanea, e potentemente espressiva. I Divide and Dissolve riescono a parlare senza usare parole e a utilizzare le frequenze per interagire con la natura.